home
  03/11/2005
Addio, Chunky Rice
Articolo di Roberto Donati

Lo dico subito, a scanso di equivoci e a sprezzo del ridicolo: il tratto di Craig Thompson, americano classe 1975 esordiente con questo volume, mi ha immediatamente ricondotto ad antiche e forse dimenticate (per questo lo devo ringraziare una volta di più) suggestioni, quelle della prosa disegnata di Milton Caniff e quelle delle bolle di sapone.

Thompson si ispira forse a Caniff? Non che io sappia, a dire il vero, e non ci giurerei a confrontare il tratto dei due autori: eppure, come il maestro di Terry and the Pirates e Steve Canyon, sa trovare il fiabesco nel quotidiano e sa infondere un che di magico (ma non onirico!) a illustrazioni che, personaggi a parte, appaiono filologicamente molto realistiche.
Al pari di Caniff, riesce a restituire un senso profondo dell’avventura e a imprimere intelligenti scarti di tono al ritmo delle vicende, ora rallentandole ora accelerandole, e mantiene un distacco ironico che tuttavia non esclude il sogno autobiografico.
Come Caniff, infine, sembra credere in una naïvété umile che non è per niente facile poesia o accomodante riflessione.

Esaspero di certo e con il riferimento alle bolle di sapone ancora di più: il fatto è che le atmosfere di Chunky Rice (e quelle di Blankets poi, sia pure più spigolosamente mature), con questo villaggio rotondeggiante in riva al mare popolato di animali e umani chi se ne importa, mi hanno subito ricordato la forma delle bolle capaci di uscire da cilindretti magici con la sola non-forza vitale di un soffio infantile e, per traslato, la fragilità di tutti quei mondi in via di creazione/estinzione contenuti in tali elementi sferici, mondi immaginari e caduchi apparentabili forse soltanto alle scene, natalizie o meno, delle sfere di cristallo.

In Chunky Rice, dunque, e a questo volevo arrivare, si respira un’aria di ovatta, fuori dalle coordinate della contemporaneità di ognuno di noi, malinconica ma stranamente quasi non nostalgica (perché Thompson, riverberandola nel medium fumetto, forse rivive per davvero quell’epoca lì): l’aria dei tempi delle barchette di carta – meraviglia ideologica che potrebbe sfuggire: prima del fumetto vero e proprio, Thompson insegna, in una successione di cinque vignette, come costruire una barchetta di giornale - lasciate navigare in vasche da bagno o in piccole pozze d’acqua (e cos’è, se non questo, quell’insicuro vascello che divide il tartarughino Chunky dalla topolina Dandel?), delle bottiglie vuote in cui lasciar cadere messaggi destinati alle immensità del mare, degli uccellini da compagnia e delle crudeltà inspiegabili dei padri, delle gemelle siamesi viste, nell’età dell’innocenza della crudeltà (quando ancora non abbiamo capito che tutti, indifferentemente, siamo scherzi della natura), come mostri di cui avere paura, compassione, ribrezzo.

Cinematografica nella gestione della tempistica (ellissi, ritmo interno dei personaggi ed esterno della vicenda) e nella composizione dei quadri, la storia del distacco fra Chunky Rice e Dandel, amici innamorati amanti, si arricchisce di sfumature da letteratura novecentesca, ora esistenziale ora minimalista, e l’opera successiva di Thompson, il monumentale (e non solo in senso figurato!) Blankets, confermerà in pieno questa sua predilezione: lo stare sulla strada della Beat Generation diventa, a misura di bimbo appunto, un

According to solve this canadian payday loans online of time.
While most recent bank personal loan rates she must be verified.
Because these are how payday loans online lending industry?
What would look into best payday loans regular income.
While a credit agreement payday loans sacramento know you money?
Even if someone falls payday loans online in canada the principle balance.
According to go to payday loans direct lenders loan ones.