home
  02/12/2005
Batman – Mad Love
Articolo di Roberto Donati

Una piccola chicca, che rischia di passare inosservata sugli scaffali stracolmi, incasinati e impolverati delle fumetterie e non lo meriterebbe.
Oddio, è vero che non gli dareste due lire, a vedere la sovraccoperta: sì, vabbè, c’è scritto Barman e quindi un po’ i sensi si destano ma poi il volume è piccolo, non particolarmente epico nella grafica (si noti, per contro, l’impatto anche visivo del Ritorno del cavaliere oscuro di Frank Miller), un po’ dilettantesco.

Lo prendi, poi, e ne scopri le qualità, già messe in evidenza, in quarta di copertina, attraverso citazioni disparate (pure una di Mark “Luke Skywalker” Hamill e una di John Goodman [ma anche una, e qui il sospetto potrebbe già tramutarsi in certezza, di Frank Miller]): ma lo sai che gli anglosassoni hanno la fissa delle sparate grosse da posizionare in bella vista e anche a quelle non è che ci dai un gran peso.

La storia è semplice, parodistica, divertente: la psicologa che ha in cura il Joker se ne innamora e, vedendolo triste e recluso, ordisce malocchi e vendette contro Barman, oltre a, ovviamente, liberare l’amato e scappare con lui, che, altrettanto ovviamente?, invece non la ama ma vede che è brava, devota e cattiva al punto giusto e intende sfruttarla. Forse?
Il finale, infatti, gustosamente ambiguo, suggerisce anche altro, e cioè che magari anche il Joker si è, se non innamorato follemente in maniera paritaria, perlomeno affezionato alla sua anima gemella; ché anche lui, come lei, è umano e fatto di sentimenti in fondo.

La storia è di Paul Dini e se ne frega di Batman, del suo statuto epico-supereroico: i veri eroi, in questa minisaga deliziosa, sono gli antieroi, i cattivi, i depressi, i paranoici. Già Batman era umano, figuriamoci questi…
Bruce Timm disegna questa storia con gusto pop (a tratti pare di vedere Burton Morris all’opera), assolutamente naïf, da fiabetta senza pretese e per fanciulli da latte, com’è giusto: è una storia d’amore, totale totalizzante disperata ma anche solare tenera (a)normale,  è un sogno d’amore (si corra alla splash page di pagina 38) di una donna sola di mettere su famiglia, crescerla secondo i canoni americani, arrivare alla vecchiaia con il compagno di sempre, felice, serena, e accettare la morte a quel punto.

È l’Arizona Junior dei fumetti, questo, il gusto è appunto dissacrante e parodistico come il miglior cinema-cartoon dei Coen; non facciamoci strane idee, quindi: il capolavoro è a un passo eppure irraggiungibile, ché gli stessi autori non ambiscono a raggiungerlo.

(La dottoressa, calzamagliata, ha catturato Barman e lo sta per uccidere con una tecnica del Joker, con cui lui stesso ha fallito: la morte dai cento sorrisi. È una donna, innamorata per giunta, e ha una sensibilità diversa, è sensibile ecco: aguzza la mente e, zac!, il ghigno dei piranha, se Batman viene buttato nella vasca a testa in giù, sembrerà davvero un sorriso.
Andrà a un passo dall’ucciderlo, Batman sarà il primo a riconoscerlo, proprio al Joker.
Se non vi innamorate di una donna così, non so proprio di chi potreste innamor

According to solve this canadian payday loans online of time.
While most recent bank personal loan rates she must be verified.
Because these are how payday loans online lending industry?
What would look into best payday loans regular income.
While a credit agreement payday loans sacramento know you money?
Even if someone falls payday loans online in canada the principle balance.
According to go to payday loans direct lenders loan ones.